Saverio Dioguardi: Architetture disegnate

Bari, Sala del Colonnato del Palazzo della Provincia / 7-18 novembre 2011
A cura di Vincenzo D'Alba e Francesco Maggiore
Coordinamento scientifico e culturale di Francesco Moschini

A cento anni di distanza dal primo progetto e a cinquant’anni dalla morte, la mostra celebra l'opera di Saverio Dioguardi. Architetto neoclassico, costituisce una figura rappresentativa delle vicende architettoniche e urbanistiche che nella prima parte del secolo scorso hanno composto l’identità della città
di Bari. La mostra, che presenta una selezione di disegni autografi tratti
dal Fondo Saverio Dioguardi, inaugura una stagione di ricerca intorno all’opera dell’architetto affinché se ne possano ricostruire le scelte progettuali
dal 1910 al 1960.

Collaborazione alla realizzazione della mostra e progetto di immagine coordinata. Affissioni, 70x100 cm - 6x3 m - 35x50 cm. Invito pieghevole, formato chiuso A5 - aperto A3. Catalogo della mostra, 152 pagine, 17x24 cm: Vincenzo D'Alba, Francesco Maggiore, Saverio Dioguardi: Architetture disegnate, © Mario Adda Editore, Bari 2011 - ISBN: 9788880829713.
Progetto dell'allestimento, con Vincenzo D'Alba e Francesco Maggiore.

A hundred years after the first project and fifty years from his death,
the exhibition celebrates the work of Saverio Dioguardi.
As a neoclassic architect, he is a representative figure of the architectural
and urban affairs in the early part of last century that gave birth to the identity of the city of Bari. The exhibition, together with presenting a selection of his original drawings taken from the Fund of Saverio Dioguardi, inaugurates a season of research around the work of the architect, in order to rebuild his design choices from 1910 to 1960.

Collaboration for the production of the exhibition and design project for coordinate identity. Posters, 70x100 cm - 6x3 m - 35x50 cm. Foldable invitation, closed format A5 - open A3. Exhibition catalog, 152 pages, 17x24 cm, Publisher Mario Adda. Design project for display with Vincenzo D'Alba
and Francesco Maggiore.